Norme igieniche durante le attività didattiche per l’a.a. 2020/2021

Avvertiamo i fruitori dei corsi didattici del Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta”, veicolati dalla Società Emme Studio / Molise Group, che sarà obbligatorio rispettare le seguenti norme igieniche, per il corretto svolgimento della didattica laboratoriale in sede.

  1. E’ necessario mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro. Le sedie sono già predisposte in tal modo.
  2. E’ obbligatoria la mascherina. Chi ne fosse sfornito, troverà mascherine chirurgiche monouso all’ingresso.
  3. E’ obbligatoria la misurazione della temperatura all’ingresso attraverso termometro a infrarossi.

Si avvisa inoltre che fino a 31 gennaio 2021 i docenti incaricati dei corsi riceveranno solo previo appuntamento, anche per lezioni singole e consulenze.

Si precisa, inoltre, che – in caso di aumento di contagi e impossibilità a continuare le lezioni in sede – si provvederà a convertire i corsi e i moduli in modalità elearning

Accordo con Università degli Studi eCampus

Il Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta” ha firmato un accordo con l’università E-Campus. Saremo presto vettori – presso le nostre strutture – di molti servizi didattici dell’ateneo digitale. Stay tuned!

Vi ricordiamo che i nostri uffici sono aperti tutti i giorni dalle 9:00 alle 17:00 in Via Mascilongo 8 (Termoli, CB), e che presso detta sede si volgono regolarmente le attività formative e didattiche del Centro.

“Lo Stilo di Fileta” nel network di AIUCD

Da oggi il Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta” entra ufficialmente nell’albo AIUCD (Associazione Italiana per l’informatica umanistica e la cultura digitale). Al nostro fianco, dipartimenti, istituti e fondazioni che contribuiscono a rendere grande e arriva la ricerca italiana relativa all’informatica umanistica!

http://www.aiucd.it/centri/

È un grande riconoscimento per il nostro lavoro, per l’impegno che quotidianamente riversiamo nelle nostre attività di ricerca. Molti dei nostri progetti sono già riconosciuti dalla EADH (European Association for Digital Humanities) tra i migliori su scala europea.

Come concludere? Un numero monografico di Kepos – Semestrale di letteratura italiana, dedicato alle digital humanities in relazione all’italianistica uscirà entro metà agosto.

Ad maiora!

Nanodegree I semestre a.a. 2020/2021: Digital Humanities, Editoria

Il Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta” è lieta di proporre – all’interno della sua offerta formativa di Nanodegree – per il I semestre del prossimo anno accademico due percorsi formativi: uno in Digital Humanities, l’altro in Editoria.

I percorsi saranno attivati online qualora si raggiunga il numero minimo di dieci interessati. Al termine del percorso, e previo assolvimento di tutti gli obblighi formativi, prova finale compresa, sarà rilasciato il Nanodegree, rilasciato dal Centro di Ricerca, ente riconosciuto da MIUR/CINECA e Commissione Europea.

I costi saranno legati al numero degli iscritti.

Il percorso in Digital Humanities comprenderà insegnamenti relativi all’applicazione delle metodologie informatiche alle aree di studio degli studenti (il programma sarà modulato a seconda degli interessi degli iscritti), con esercitazioni pratiche. Il percorso in Editoria avvierà lo studente al lavoro in ambito editoriale (tradizionale e scientifico), sia in qualità di professionista dell’editoria, sia in qualità di autore ovvero creatore di contenuti.

Per ogni informazione contatto preventivo, rivolgersi ad antonello.caterino@lostilodifileta.it

Didattica a.a. 2020/2021 e Nanodegree

Il Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta” è lieto di annunciare che – a partire dall’a.a. 2020/2021, oltre a convegni, conferenze e seminari – saranno attivati (su richiesta) anche alcuni nanodegree.

I nanodegree di Fileta sono principalmente pensati per l’umanista desideroso di esplorare nuove realtà professionali, interagendo tanto con l’universo pubblico (università e ricerca) quanto con quello privato (azienda).

Attraverso il sodalizio coi nostri partner scientifici e istituzionali verranno strutturati percorsi tematici professionalizzanti, utili sia all’aggiornamento professionale quanto alla formazione continua dell’umanista, nonché spendibili curricularmente.

Al termine del percorso, e dopo aver superato specifici obblighi formativi, infatti, sarà rilasciato un apposito attestato.

Un nanodegree in Digital and Public Humanities è al momento in corso di elaborazione da parte dei nostri docenti.

 

 

CFP Digital and Public Humanities: possibilità, necessità, riflessioni

Digital and Public Humanities:  possibilità, necessità, riflessioni

Call For Papers

Il Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta” (https://fileta.hypotheses.org) intende organizzare – entro la prima metà di luglio – un Convegno Internazionale dal titolo Digital and Public Humanities:  possibilità, necessità, riflessioni.  La presente CFP, pertanto, intende raccogliere proposte di comunicazione legate a uno o più delle seguenti linee di ricerca:

  • Digital Humanities: disciplina autonoma o ancilla studiorum humanitatis?
  • Public Humanities e Public History: prospettive telematiche sulla divulgazione umanistica
  • Elearning, anche in relazione al recente stato d’emergenza causato dalla pandemia da COVID-19
  • Applicazione dell’informatica agli studi testuali e letterari
  • Informatica e linguistica: linguistica computazionale e non solo.
  • Informatica e storia
  • Informatica e cultural heritage
  • Informatica e turismo culturale
  • Digital e Public Humanities tra settore pubblico e privato

L’elenco non è da ritenersi esaustivo ovvero vincolante: siamo principalmente alla ricerca di prospettive di ricerca con taglio innovativo e notevole impatto sulla realtà quotidiana.

Per ragioni igienico-sanitarie la conferenza si svolgerà in modalità telematica. La scelta della piattaforma e della modalità di esecuzione dipenderà soprattutto dal numero e dalla tipologia delle proposte pervenute, dunque avverrà a CFP chiusa. Sempre a call chiusa sarà indicata data e ora del collegamento.

Ogni comunicazione avrà la durata massima di venti minuti. Le proposte dovranno pervenire entro e non oltre il 15 giugno all’indirizzo mail antonello.caterino@lostilodifileta.it.

Precisazione sulla modifica dei contenuti editi

A seguito di alcune domande che arrivano alle nostre redazioni scientifiche – delle numerosi sedi che pubblichiamo – ribadiamo un concetto, di per sé stesso evidente:
le pubblicazioni munite di codice ISBN e ISSN – che siano digitali o cartacee – una volta edite NON sono modificabili, in alcun modo, dopo la data di pubblicazione ufficiale. Non è tantomeno possibile aggiornare o eliminare sezioni.
Preghiamo pertanto i singoli autori di verificare con molta attenzione l’esattezza del tutto prima dell’invio definitivo e comunque post-referaggio. E’ chiaro che i nostri comitati editoriali fanno l’impossibile per eliminare fino all’ultimo refuso, ma ad impossibilia nemo tenetur.

Al Segno di Fileta è un editore “invisibile”: lascia alla singola sede ogni decisione scientifica e linea editoriale. Si fa esclusivamente garante del rispetto della licenza CC 4.0, che si applica sempre, laddove non diversamente specificato, e del rapporto con gli organi di valutazione accademici, italiani e internazionali

[CFP] Minima italica philologica critical and commented editions in today’s Italian academia (Live broadcast Instagram Conference).

Following the cancellation of the Canadian Association for Italian Studies Annual Conference due to the COVID-19 emergency, as organizer of the panel “Minima italica philologica: critical and commented editions in today’s Italian academia” I decided to organize a streaming conference, taking advantage of live broadcast on Instragram.

Interested parties must send a communication proposal (in Italian or English) by and no later than April 15th. The conference will be held on May 5 starting from 15:00 Italian time. If the accepted proposals were many, the following day will also be used. As soon as available, the final program will be released.

Proposals must be sent to the email address antonello.caterino@lostilodifileta.it.

Anyone who has already submitted a proposal for the CAIS panel will simply send confirmation of participation. The conference proceedings will be published by the publisher “Al Segno di Fileta” in a miscellaneous volume.

According to Alberto Varvaro, philology is a method because each text can be philologically analyzed. However, scholars who want to treat philology as a concrete subject of study need to produce critical and commented editions without having clear rules on how they should be built. The classical methods (Lachmann and Bedier) work more in theory than in practice, because each edition must be constructed according to the needs of the text and its tradition. It often happens that young philologists (e.g. Ph.D. students) slavishly imitate examples of critical editions of the last 20 years perceived as authoritative, without dwelling too much on the problems of ecdotics of the text they examine.

This conference invites reflection on what is a critical and commented edition in 2019, on what the minimum requirements are for it to be considered as such, through the analysis of practical examples in which the theory has been adapted to the concreteness of tradition. To limit the scope of the investigation chronologically, the examples required will be only related to the Italian literary tradition.

Antonello Fabio Caterino

Ph.D. Centro di Ricerca “Lo Stilo di Fileta”

Università degli Studi del Molise

Alma Mater Studiorum – Universtià di Bologna

Direttivo straordinario del 23/02/2020

E’ stato indetto in data ordierna un direttivo straordinario del Centro di Ricerca “Lo Stilo di FIleta”, valevole come direttivo del marchio editoriale e della relativa associazione culturale. Sono presenti Antonello Fabio Caterino, Giovanna Battaglino, Francesca Favaro, Gennaro Tallini.

[Omissis]

L’organico del direttivo – in funzione dell’espansione delle attività del centro – è così modificato.

Antonello Fabio Caterino, direttore

Francesca Favaro, vicedirettore con delega alla ricerca letteraria e filologica

Gennaro Tallini, Responsabile delle collane di Area 10

Giovanna Battaglino.

Si provvederà a modificare le informazioni in tutte le pagine preposte, nelle prossime settimane.