DHow, un nuovo progetto di Fileta.

Siamo lieti di annunciare la nascita di DHow (Digital Humanities How), piattaforma interattiva di problem solving su cui verranno caricati tutorial relativi ai software più utilizzati nell’ambito della ricerca umanistica.

Alleghiamo la descrizione del progetto, come riportato sul carnet de recherche.

Le Digital Humanities rappresentano il futuro dinamico e trasformativo delle discipline umanistiche, che grazie all’unione dell’informatica e delle materie letterarie sanciscono un atto di evoluzione, nonché di superamento di generi, che – se ben impiegato – non può che incrementare le già note potenzialità delle discipline tradizionali. È partendo da questa convinzione che il nostro gruppo di ricerca – sezione del gruppo di studi “Eterodossie e dissenso nella letteratura italiana”, che già gode del patrocinio e della partnership dell’Università del Molise – propone la creazione di un carnet dal titolo DHow, che abbia un unico scopo: essere utile. DHow, che sta per Digital Humanities How, consisterà in un catalogo dei software più utili agli studi umanistici, ciascuno dei quali accompagnato da una descrizione accurata corredata da esempi, testing e tutorial. Il progetto ambisce a fungere da pratico vademecum per chiunque professi la ricerca e voglia avvalersi di rapidi strumenti atti ad ottimizzare i tempi e i risultati. Esso mira inoltre a comprendere e interpretare le trasformazioni messe in atto dall’avvento della digitalizzazione e a sfruttare – ma non meno ad estendere – il suo enorme potenziale.
Con il termine dhow si allude anche a una barca a vela araba fornita di una o più vele triangolari che il Gruppo di ricerca ha deciso di assumere come proprio logo con un senso fortemente simbolico: l’ulissismo che ci spinge a navigare nei mari della conoscenza, ci porta ad approdare alle sponde delle Digital Humanities e a contribuire al loro sviluppo proponendoci di colmare una lacuna teorico-pratica di nodale importanza, come la realizzazione di una guida per software DH. Ad oggi infatti non esistono in Italia altre iniziative del genere e l’unicum della natura del progetto è valore aggiunto al progetto stesso.
Alle Digital Humanities ancora si accompagna un certo scetticismo da parte di quanti non comprendono che tale disciplina non intende sostituirsi ad altre materie, ma potenziarle. È per questa ragione che siamo convinti che la loro inesorabile crescita – da molti ancora accettata obtorto collo – vada coltivata e accompagnata mediante la divulgazione, la collaborazione e la pratica sperimentale.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.